Vita di coppia: sai chiedere?


Nel tempo ho imparato quanto un fattore che fa la differenza nella vita di coppia sia la capacità dei suoi componenti di individuare le proprie necessità e chiedere.

Per alcune persone non è semplice nemmeno riconoscere le proprie necessità: che sia un abbraccio, un aiuto, una parola di conforto o di incoraggiamento, un favore. Certe volte siamo talmente abituati a trascurare i nostri bisogni, che ci risulta difficile persino individuarli.

Proviamo ogni tanto a fermarci e a domandarci: di cosa avrei bisogno in questo momento? E scopriremo che non sarà sempre semplice individuare la risposta.

Una volta compreso il nostro bisogno, il passo successivo è domandare.

Chiedere non equivale a lamentarsi o tenere il broncio. Chiedere non equivale a pretendere. Chiedere non equivale ad aspettarsi che l'altro capisca al volo.

- Ero stanca e avrei voluto una mano in casa.

- Perciò cosa hai fatto?

- Niente, mi sono alzata, e, come al solito, ho cominciato a lavare i piatti, anche se avrei voluto che lo facesse Andrea.

- Perché non gliel'hai chiesto?

- Avrebbe dovuto capirlo da solo...

A volte mettiamo l'altro alla prova, silenziosamente, sfidandolo senza nemmeno informarlo che è iniziata la partita. E su quella "presunta mancanza" mettiamo un carico da 1000.

- Non mi ama abbastanza perché non si è accorto di ciò di cui avevo bisogno.

E così si alimentano i non-detti, le incomprensioni, i silenzi minacciosi e dolorosi.

Aspettarsi dall'altro che "capisca" ciò che non gli domandiamo è un'aspettativa magica, è la nostra parte Bambina che desidera una presa in carico simbiotica.

Non è scontato che l'altro capisca cosa c'è dietro ad un nostro broncio, e non è detto che, anche se lo capisse, un'espressione lamentosa o arrabbiata lo invogli ad attivarsi per risolvere la situazione!

- Che cosa hai fatto?

- Niente!

Certe volte alziamo un muro richiedendo all'altro di fare lo sforzo di trovare un varco per riaprire il dialogo. E, riflettendoci, non è un modo funzionale di soddisfare i nostri bisogni, soprattutto quando ciò che cerchiamo è la vicinanza.

Una relazione alla pari, pulita e chiara, necessita un dialogo aperto e onesto.

Ma chiedere non è affatto semplice.

- Chiedere equivale a mostrare la propria fragilità, a dare voce alle proprie difficoltà, a mettere giù la maschera del super-eroe che non ha bisogno di niente e di nessuno.

- Chiedere significa accettare che si è due individui separati, che, per quanto si amino, non possono leggersi nel pensiero.

- Chiedere è un atto di coraggio perché significa esporsi e rischiare di ricevere un rifiuto.

Voi come ve la cavate?

Riuscite a domandare ciò di cui avete bisogno?

GIULIA BASSETTI

psicologa, psicoterapeuta

TOSCANA | PISTOIA

via bure vecchia nord, 115

pistoia

POSSIBILITA'DI CONSULENZE ONLINE

MAIL:

GIULIABASSETTI30@GMAIL.COM

  • Facebook
  • Instagram

Seguimi su Facebook